Facebook e le sue stanze audio per offrire un’interazione vocale in tempo reale

Facebook e le sue stanze audio per offrire un’interazione vocale in tempo reale

‘Ti copio o ti compro’ funziona così quando Mark Zuckerberg si trova davanti qualcosa che possa catturare l’attenzione di un gran numero di persone. Non è la prima volta che Facebook cerca di sviluppare applicazioni simili o acquistare app con un ampio potenziale di crescita. Zuckerberg ha acquistato in passato Instagram, poi l’app di messaggistica WhatsApp e la società di realtà virtuale Oculus.

Nel 2016 ha integrato in Instagram le Storie viste su Snapchat e più recentemente i Reels simili ai video di TikTok. Il nuovo obiettivo di Facebook è creare un’applicazione che rispecchi l’essenza di Clubhouse, la piattaforma che mette la voce al centro della comunicazione e che sta riscuotendo un successo in costante crescita in molti paesi. Clubhouse, infatti, si distingue dagli altri social network proprio per questo motivo in quanto sostituisce la voce alle immagini e si fonda sull’interazione vocale in tempo reale tra gli utenti che si ritrovano in stanze virtuali create da amministratori/moderatori. Le Room vengono calendarizzate e indicizzate in base alle persone che si seguono e agli interessi.

Secondo quanto riportato dal New York Times, la società di Mark Zuckerberg avrebbe deciso di realizzare un servizio che offra la possibilità di interazione vocale in tempo reale tra utenti all’interno delle cosiddette stanze audio per “espandersi in nuove forme di comunicazione“. Lo stesso Zuckerberg si è iscritto a Clubhouse partecipando nei giorni scorsi anche ad una discussione sulla realtà aumentata e virtuale. Sembra che Facebook stia pensando a un prodotto simile che sarebbe già nelle sue prime fasi di sviluppo. La feature non ha ancora nome ufficiale ma è emerso con certezza che la compagnia di Mark Zuckerberg ci sta già lavorando. Perché Facebook dovrebbe sviluppare delle stanze audio simili a Clubhouse? Il motivo è abbastanza semplice: fornire ai suoi miliardi di utenti uno spazio all’interno dell’app per parlare di qualsiasi cosa senza aver bisogno di utilizzare un altro servizio o piattaforma.

Leave a Reply