Digital News: le novità del mese di maggio

Digital News: le novità del mese di maggio

Quali sono state le novità digital e social di maggio? Scopriamo insieme le notizie più interessanti.

Addio ad Internet Explorer dopo 25 anni

Ci rimarranno solo i meme? A quanto pare si. Chiude definitivamente, dopo 25 anni di operatività, lo storico browser di Microsoft, lasciando spazio al suo successore Edge, già da tempo preferito dagli utenti.

La data ufficiale del “pensionamento” di Explorer è al momento fissata per il 15 giugno 2022. Negli ultimi anni, il famoso browser, è diventato protagonista di numerosi meme a causa della sua lentezza nel caricamento delle pagine che ha reso la navigazione non proprio ottimale. Già da diverso tempo, infatti, gli utenti preferivano utilizzare i browser concorrenti, più veloci ed innovativi, contribuendo a rendere Explorer obsoleto.

Dopo la chiusura definitiva di Yahoo Answers e di MSN messenger, con un po’ di nostalgia di coloro che hanno iniziato ad utilizzare internet negli anni 2000, diciamo addio anche ad Internet Explorer.

Clubhouse arriva su Android

Il social network più chiacchierato dell’ultimo anno è stato senza dubbio Clubhouse. L’app propone un nuovo modo di comunicare ed interagire, grazie alle sue stanze audio è infatti possibile aprire delle discussioni sui temi più svariati, decidere se renderle pubbliche o invitare solo alcune persone, partecipare attivamente oppure come semplice ascoltatore. La possibilità di chiacchierare in diretta di qualsiasi argomento ha suscitato un enorme interesse da parte degli utenti, complice anche il distanziamento sociale e l’impossibilità di spostarsi.

Il social dei contenuti audio presentava, fino a poco tempo fa, il limite di essere fruibile solo su sistema operativo iOS. Ora non è più così. Il 9 maggio Clubhouse ha debuttato su Android e dopo neanche un mese vanta già 2 milioni di utenti attivi quotidianamente, come dichiarato dalla piattaforma stessa.

Rimane attiva, almeno per il momento, la politica dell’invite-only: per potersi registrare, infatti, è necessario essere invitati da un altro utente. Anche su questo fronte però, sembra che ci siano delle novità in arrivo, di cui scopriremo di più nei prossimi mesi.

Google annuncia “Project Starline”, il progetto delle videochiamate in 3D

Durante la conferenza Google I/O 2021, il colosso tecnologico di Mountain View ha annunciato alcune novità importanti che hanno lasciato il pubblico senza parole, tra cui il “Project Starline”.

Google ha dichiarato che sta lavorando da anni ad un nuovo progetto tecnologico che permetterà di rendere le videochiamate un’esperienza totalmente nuova e senza precedenti. Secondo quanto dichiarato, attraverso un grande display sarebbe possibile vedere la persona con cui stiamo parlando in dimensioni reali, come se fosse lì presente davanti ai nostri occhi. Una tecnologia simile agli ologrammi che combina machine learning, audio spaziale, visione artificiale e compressione in tempo reale. L’effetto ricercato è proprio quello di far sentire vicine persone che si trovano in città o paesi distanti.

“La gente ama stare insieme, condividere, collaborare, connettersi. Dopo l’anno che abbiamo passato, con i viaggi limitati e il lavoro da remoto, stare insieme non è mai stato così importante.”

Per il momento, Project Starline è in uso soltanto in alcuni uffici di Google a Mountain View poiché richiede attrezzatura altamente specializzata. Il colosso ha però dichiarato che l’obiettivo è rendere questa nuova tecnologia più abbordabile ed accessibile a tutti in tempi futuri.

Spotify e la personalizzazione: le due nuove funzioni “Solo tu” e “Blend”

Dopo “Spotify Wrapped”, la feature che ogni dicembre permette all’utente di rivivere il suo anno musicale attraverso brani preferiti, nuovi artisti scoperti, la canzone più amata e il numero di ore trascorse all’ascolto, la piattaforma di musica streaming più famosa al mondo lancia due nuove funzioni che personalizzano ancora di più l’esperienza in-app.

Da pochi giorni nella home di Spotify compare la sezione “Solo tu” che contiene alcune funzioni molto divertenti, vediamo quelle che ci sono piaciute di più:

  • La carta astrale: l’app mostra all’utente una sorta di oroscopo musicale attraverso il segno solare, che corrisponde all’artista più amato, il segno lunare, ossia l’artista che ti emoziona di più e infine l’ascendente, che indica l’ultimo artista scoperto.
  • La serata perfetta: se potessi invitare a cena tre dei tuoi artisti preferiti, chi sceglieresti? Dopo aver risposto ad un rapido quiz, Spotify ti proporrà delle playlist personalizzate per arricchire la tua Libreria di nuove canzoni.
  • Abbinamento unico: giocando sull’ironia, Spotify mostra all’utente un abbinamento particolare di due artisti ascoltati di recente e gli chiede: “Chi oltre te lo farebbe?”

La funzione “Blend” invece, permette a due utenti di unire i propri gusti e interessi musicali in un’unica playlist, creando un nuovo mix da condividere. Ancora una volta, Spotify dimostra di essere al passo con i tempi e di voler assicurare ai propri utenti un’esperienza unica e personalizzata.

Leave a Reply